ANTICIPAZIONI PROTAGONISTI

Ultimo aggiornamento 16/07

Copertina comunicati stampa

Una piccola anticipazione sui protagonisti dell'edizione 2014 del Cortona Mix Festival

NOVITA'

Lirio Abbate

Lirio Abbate

@LirioAbbate

2 AGOSTO 2014 ore 18,30

Lirio Abbate, inviato de “L’Espresso”, è autore di numerose inchieste giornalistiche sulle mafie e le collusioni dei politici con i boss. Negli ultimi vent’anni si è occupato dei principali scandali italiani su criminalità organizzata, tangenti e corruzione. È passato dalla cronaca giudiziaria al giornalismo investigativo. Nel 2007 ha scritto con Peter Gomez I Complici, pubblicato da Rizzoli. Nel 2010 ha vinto il “Premiolino”. Il suo ultimo libro è Fimmine ribelli (Rizzoli, 2013).

Accademia DaiShiDo

Accademia DaiShiDo

www.daishido.it

dal 26 LUGLIO al 3 AGOSTO 2014 ore 10,00

L'Accademia DaiShiDo, Scuola di Educazione Etica e Prevenzione Sociale, iscritta al CO.N.A.C.R.E.I.S. e con sede ad Arezzo, organizza e propone le proprie attività e i propri servizi con il fine di fornire alle persone un aiuto concreto sotto forma di informazione, prevenzione e terapia. La disciplina BodyDaiShiDo mira a riportare la persona verso l'ascolto della propria interiorità e a ristabilire e migliorare l'equilibrio psicofisico.

NOVITA'

Ernesto Assante

@ernieassa

27 LUGLIO 2014 ORE 19,30

Ernesto Assante è un giornalista e critico musicale. Collabora con “la Repubblica” e “L'Espresso”. Ha scritto libri di critica musicale, alcuni con il collega Gino Castaldo, con cui tiene delle Lezioni di rock. Viaggio al centro della musica con lo scopo di approfondire, grazie anche a un ascolto guidato ed ai video mostrati, la storia di coloro che sono entrati nella leggenda del rock, e conduce la trasmissione Webnotte su Repubblica.it. Dal 2011 Assante e Castaldo conducono inoltre il programma Playlist su Radio Capital.

Mauro Astolfi, coreografo di fama internazionale, dopo una lunga permanenza statunitense fonda nel 1994 la Spellbound dance Company (oggi Spellbound Contemporary Ballet). La compagnia ha da sempre coniugato la personale cifra coreografica di Astolfi con l’eccellenza tecnica degli interpreti, esportando un modello di alto profilo e fortemente incentrato sulla qualità delle produzioni. Oltre all’attività di coreografo, Mauro Astolfi è costantemente impegnato come guest teacher nei maggiori centri di danza in Italia e all’estero. Dal 2009 è inoltre Direttore Artistico del dipartimento Modern Contemporaneo del Centro D.A.F. (Dance & Arts Faculty - Progetto Internazionale di Danza e Arti Performative) a Roma.

Clara Bauer nasce a Buenos Aires, dove inizia la carriera come aiuto regista di Diego Kogan. Dopo essere stata amministratrice di produzione al Théâtre des Bouffes du Nord e consigliere artistico per la programmazione straniera del Festival International de Buenos Aires, partecipa all’elaborazione di un nuovo spazio teatrale diretto da Roberto Roberto, a Napoli. Nel 2008 assiste Lilo Baur alla regia di Fish Love al Théâtre de Vidy-Lausanne e la collaborazione prosegue con Racconto d’inverno di Shakespeare (2009), il Mariage de Gogol alla Comédie-Française (2010) e Il sesto continente di Daniel Pennac (2012). Nello stesso anno mette in scena insieme a Daniel Pennac un’altra sua pièce, Journal d’un corps, al Théâtre des Bouffes du Nord.

Vincent Berger si è formato come attore alla Scuola Superiore d’Arte Drammatica del Teatro Nazionale di Strasburgo e al Conservatorio di Rouen. Ha lavorato con Jacques Osinski e con Dan Jemmett. Collabora anche a diversi progetti di Alan Bézu. Ha recitato, tra l’altro, negli spettacoli: Le nozze del Papa di Edward Bond regia teatrale di Christophe Lemaitre, Gauche-Uppercut di Joël Jouanneau messo in scena da Serge Tranvouez, Bruits di François Bon regia di Charles Tordjman, I due gentiluomini di Verona di Shakespeare nella messa in scena di Adel Hakim e Germania III di Heiner Müller diretto da Jean-Louis Martinelli.

Bénédicte Billiet nasce a Lille (Francia) nel 1954. A seguito degli studi in danza classica al conservatorio di Parigi, ottiene il primo ingaggio al Balletto di Lione. Tornata nella capitale, tre anni più tardi, inizia ad avvicinarsi alla danza moderna, sotto la guida di Peter Goss. Partecipa alla prima coreografia di Dominique Bagouet ed entra a far parte della sua compagnia. Seguono collaborazioni con altri coreografi, come Jean Gaudin e François Verret, e nel 1981 si unisce al Tanztheater di Pina Bausch. Dopo un periodo di lavoro indipendente (dal 1992 al 2007), torna nella compagnia come assistente, funzione che continua a svolgere ancora oggi, accanto alla direzione. Partecipa anche all’organizzazione degli archivi per la Fondazione Pina Bausch.

Roy Bittan è un membro della E Street Band di Bruce Springsteen fin dalla registrazione del celebre album Born To Run, nel 1974. Ha inciso e prodotto album per numerosi artisti diversi. Dalla E Street Band a Chicago, da Station to Station di David Bowie a Car Wheels on a Gravel Road di Lucinda Williams, Roy Bittan ha mostrato una straordinaria abilità nell’attraversare generi musicali diversi senza perdere una nota. Ha iniziato con la fisarmonica a soli sei anni, in seguito il padre gli ha insegnato a suonare il blues al pianoforte e da lì il talento di Roy è decollato. Quando a 17 anni ha suonato l’organo Hammond in una cover band R&B, non poteva neanche immaginare che un giorno avrebbe lavorato con “l’uomo del Soul” in persona: Sam Moore del duo Sam and Dave, o Smokey Robinson della Motown Records. Roy Bittan ha in uscita quest’anno un proprio album di musica elettronica e al Cortona Mix Festival presenta in anteprima mondiale alcuni brani insieme a un compagno della E Street Band, il grande Max Weinberg, che lo accompagna alla batteria.

I Brocante sono una band fondata da Davide Petrillo e Michele Rutigliano, entrambi voce e chitarra. La loro avventura è nata a Firenze durante il capodanno 2013 con un concerto all'Officina Nuovo Eskimo la notte di San Silvestro. I due hanno costituito una band che all'inizio si chiamava proprio come il locale salvo poi, con il coinvolgimento di altri musicisti, diventare Brocante. Al duo si sono aggiunti in poco tempo il bassista Alessandro Manetti, il batterista Daniele Fiaschi e infine il violoncellista Stefano Aiolli. Brocante è un progetto musicale all'insegna della musica folk-world. Come in un caratteristico mercato, nei Brocante si ritrovano sonorità, sensazioni e riferimenti culturali da terre lontane. Il gruppo, vincitore dell’edizione 2013/2014 del concorso T-Rumors, sta lavorando a un mini album.

Matteo Caccia

Matteo Caccia

@matteocaccia

3 AGOSTO 2014 ORE 18,00

Matteo Caccia ha 39 anni. Scrive e parla per il teatro e la radio da quando ne ha 23. Racconta e scrive storie per la radio dal 2008 quando crea il programma Amnèsia per Radio2 in cui racconta il diario di un uomo che ha perso la memoria. È a Radio 24 dal 2010 dove continua il suo progetto di storytelling radiofonico prima con i programmi di fiction autobiografica Vendotutto e Io sono qui e ora attraverso le storie che gli ascoltatori gli inviano al programma Voi siete qui. Per Mondadori è autore nel 2009 di Amnèsia tratto dall’omonimo programma radiofonico e nel 2012 del romanzo Il nostro fuoco è l’unica luce. Da aprile 2013 scrive e conduce Dalla A a laeffe per laeffe TV.

Raffaele Cantone nasce a Napoli nel 1963. Dopo aver cominciato a fare pratica come avvocato, diviene magistrato. Come pubblico ministero presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli si è occupato delle indagini sul clan camorristico dei Casalesi, ottenendo la condanna all'ergastolo dei più importanti capi del gruppo. Dal 2007 è giudice presso l’Ufficio del Massimario della Corte Suprema di Cassazione. Dopo essere stato nominato nel 2013 componente della task force per l'elaborazione di proposte in tema di lotta alla criminalità organizzata, da marzo 2014 è presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione. Ha scritto numerosi libri, l’ultimo è Football clan (Rizzoli, 2012; con Gianluca Di Feo).

Foto: © www.fluido.eu

NOVITA'

Gino Castaldo

@Ginocastaldo

27 LUGLIO 2014 ORE 19,30

Gino Castaldo, giornalista e critico musicale, si occupa di critica musicale, divulgazione musicale e conduzione radiofonica. Scrive per il quotidiano “la Repubblica”, ha curato l'inserto settimanale “Musica” dello stesso quotidiano e condotto programmi per Radio3 insieme a Filippo Bianchi. Dal 2005, insieme ad Ernesto Assante, tiene le Lezioni di rock. Viaggio al centro della musica e conduce la trasmissione Webnotte su Repubblica.it. Dal 2011 Castaldo e Assante conducono inoltre il programma Playlist su Radio Capital.

Giuseppe Catozzella ,è autore di poesie, romanzi-inchiesta, racconti e reportage. È stato a lungo consulente editoriale per la Mondadori e attualmente lavora per Feltrinelli. Scrive su "L’Espresso", "Sette", "Il Corriere Nazionale", "Max", "Lo Straniero", milanomafia.com, e ha collaborato con la trasmissione televisiva Le Iene. Del suo romanzo-inchiesta Alveare (Rizzoli, 2011; Feltrinelli, 2014) la casa di produzione Wildside ha acquistato i diritti cinematografici, e sono stati tratti tre differenti spettacoli teatrali. Ha anche scritto Espianti (Transeuropa, 2008) e La scimmia scrive (Cepollaro Edizioni, 2007). Tiene un blog sul sito del "Fatto Quotidiano". Con Feltrinelli ha pubblicato Fuego (Zoom, 2012) e il suo più recente romanzo Non dirmi che hai paura (2014), vincitore del Premio Strega Giovani e tra i cinque finalisti del Premio Strega.

Il Coro del Maggio Musicale Fiorentino si è formato nel 1933, anno di nascita dell’omonimo festival, sotto la guida di Andrea Morosini. Dal 2013 è diretto da Lorenzo Fratini. Si qualifica come uno dei più prestigiosi complessi vocali italiani nell’ambito sia dell’attività lirica che di quella sinfonica. L’attività del Coro si è sviluppata anche nel settore della vocalità da camera e della musica contemporanea, con importanti prime esecuzioni di compositori del nostro tempo. Particolarmente significativa anche la collaborazione con grandi direttori di fama internazionale. Negli ultimi anni il Coro amplia il repertorio alle maggiori composizioni sinfonico-corali classiche e moderne e partecipa a numerose tournées internazionali. Nel 2003 vince con Renée Fleming il "Grammy Award" per il cd Belcanto e nel 2013 celebra gli ottanta anni della sua fondazione con una serie di concerti.

Luca Crovi, critico rock e conduttore radiofonico, si è laureato in Filosofia con specializzazione in Storia Antica all’Università Cattolica di Milano. Dopo aver lavorato per le case editrici Camunia e Garzanti è diventato redattore alla Sergio Bonelli Editore, dove dal 1993 si occupa della collana Almanacchi. Contemporaneamente ha svolto l’attività di critico musicale per "Italia Oggi", "Il Giornale" e "Max". Ha realizzato, tra gli altri, la monografia Tutti i colori del giallo (Marsilio, 2002), da cui è stata tratta nel 2003 l’omonima fortunata trasmissione radiofonica di Radio2 insignita nel 2005 del Premio Flaiano. Il suo ultimo libro è Noir. Istruzioni per l’uso (Garzanti, 2013). Come sceneggiatore ha adattato a fumetti storie di Andrea G. Pinketts, Joe R. Lansdale e Massimo Carlotto.

NOVITA'

Raffaella De Santis

@raffades

30 LUGLIO 2014 ORE 18,30

Raffaella De Santis vive a Roma, è saggista e giornalista delle pagine culturali de “la Repubblica”, per le quali si occupa di libri ed eventi culturali. Ha pubblicato nel 2011 il saggio Le parole disabitate (edizioni Aragno). Ha collaborato con varie testate tra cui “L’Espresso”, Rai Educational, “Doppiozero”, “L’Unità”.

Habib Dembélé, nato nel Mali, ha creato la Compagnie Gouakoulou e allestito la Compagnie Guimba National e poi il Teatro Internazionale Le Mandenka. Nel 1984 riceve il premio come miglior attore del Mali. Il suo romanzo Sacré Kaba e le sue pièce teatrali Le chantier e A vous la nuit, appaiono in Mali mentre Dembélé è impegnato nella campagna elettorale come candidato dell’opposizione alle presidenziali del 2002. L’Europa e il resto del mondo hanno visto Habib, tra gli altri, in Tierno Bokar, diretto da Peter Brook nel 2004, Bab et Sane di René Zahnd per la regia di Jean-Yves Ruf al teatro Vidy Lausanne, The Island di Athol Fugard, messo in scena da Hassane Kouyaté.

Eleviole? è un progetto nato dall’idea di Eleonora Tosca con l’obiettivo di raccontare il mondo spesso disilluso dell’età adulta, attraverso canzoni-non canzoni, proprio come le filastrocche che si canticchiavano da bambini. Suoni acustici su una ritmica prevalentemente elettronica descrivono un mondo che parte dalla realtà ma cerca di recuperare l’immaginario della fanciullezza perduta. Eleonora è cantante, attrice, medico veterinario, ha attraversato l’Italia in autostop per farne un video-documentario. Le sonorità sono affidate alla violinista Lucia Sagretti e a Maurizio Mangoni. Le ritmiche elettroniche a Fabio Mazzei. Grazie alla vittoria dell’edizione 2013/2014 del concorso T-Rumors, la band sta lavorando ad un EP con l’aiuto di Saverio Lanza.

Carlo Feltrinelli (1962) è dal 1988 Amministratore Delegato della casa editrice fondata nel 1955 dal padre Giangiacomo Feltrinelli. Dal 1998, a seguito della scissione tra Librerie Feltrinelli (più di 100 punti vendita) e Giangiacomo Feltrinelli Editore, è Presidente delle Librerie Feltrinelli. Nel 2001 è stato nominato Presidente della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, uno dei maggiori centri di ricerca e di documentazione nell’ambito delle discipline storiche e delle scienze politiche, economiche e sociali. Nel 2014 è stato nominato Amministratore Delegato di tutto il Gruppo Feltrinelli. È autore di Senior Service, ad oggi tradotto e pubblicato negli Stati Uniti, in Inghilterra, Germania, Francia, Spagna, Grecia, Brasile, Portogallo, Russia e Giappone.

Giovanni Floris nasce a Roma nel 1967. Giornalista, è stato corrispondente Rai dagli Usa. Ha pubblicato numerosi saggi tra cui Mal di merito. L’epidemia di raccomandazioni che paralizza l’Italia (Rizzoli, 2007), La fabbrica degli ignoranti. La disfatta della scuola italiana (Rizzoli, 2008) e Decapitati. Perché abbiamo la classe dirigente che non ci meritiamo (Rizzoli, 2011). Dal 2002 è autore e conduttore della trasmissione Ballarò di Rai3. Con Feltrinelli ha pubblicato Il confine di Bonetti (2014), il suo primo romanzo.

Foto: © Mimmo Chianura

Liletta Fornasari, storica dell’arte, ha insegnato Storia dell’Arte in Toscana nell’età moderna all’Università di Siena (sede di Arezzo); è primo rettore della Fraternita dei Laici e direttore del Centro di studi storico-artistici di Arezzo. Ha condotto numerose ricerche su vari aspetti della storia dell’arte (pittura e arti minori) nel territorio aretino in età rinascimentale, moderna e contemporanea. Si ricordano in particolare i volumi su Salvi Castellucci, Pietro Benvenuti, Bernardino Santini e Giorgio Vasari. Ha curato la collana in otto volumi Arte in terra d’Arezzo (Edifir, 2005). Ha inoltre curato - insieme ad altri - diverse mostre in territorio toscano (tra cui una a Palazzo Pitti su Pietro Benvenuti).

FumiProFumi

FumiProFumi

@FumiProfumi

3 AGOSTO 2014 ORE 21,30

FumiProFumi è un quartetto multicolore dalle forti contaminazioni etniche. I brani di FumiProFumi partono dal presupposto di ottenere sonorità aggressive tipiche del rock abbracciando armonie e ritmiche popolari tipiche dell'Italia. Ballate, tarante, pizziche, valzer, sono infatti frequente fonte d'ispirazione di brani che si avvicinano così ad una musicalità più sincera, genuina, vicina alla nostra cultura e al nostro contesto. Gli arrangiamenti in contrasto richiamano i generi più aggressivi e disparati. I FumiProFumi sono stati selezionati da importanti festival come Upload Festival, Italia Wave, 1m Festival e il Festival estivo di Piombino.

Rolando Giambelli nasce a Brescia nel 1949. Fotografo professionista, musicista e fan dei Beatles, nel 1992 fonda a Brescia l’associazione "Beatlesiani d’Italia Associati". Suona la musica dei Fabs nel quartetto pop/rock The BeaTops e, in compagnia del figlio Alessandro, crea anche il duo acustico Two Of Us e si esibisce con successo dal 1992. Nel 2000 inaugura a Palermo con il sindaco di Liverpool Eddie Clein una piazza dedicata a John Lennon. Rolando diventa amico di tanti personaggi coinvolti nella storia dei Beatles, tra cui la loro storica segretaria Freda Kelly. Nel 2005 Rolando & Friends produce presso gli Abbey Road Studios di Londra (usati anche dai Beatles per registrare i loro dischi) l’album A Day in the Life at Abbey Road per UNICEF. Nel 2001 apre il primo Beatles Museum Italiano che dal 2009 è allestito presso il Museo della Mille Miglia a Brescia. È autore del libro fotografico Twin towers forever (Promodis, 2001).

Gipi

Gipi

giannigipi.blogspot.it

31 LUGLIO 2014 ORE 19,30

Gipi (Gianni Pacinotti) nasce a Pisa nel 1963. Nel 1994 inizia a pubblicare vignette e racconti brevi su "Cuore". Per Coconino Press ha realizzato diversi libri: da Esterno Notte (2003) agli Appunti per una storia di guerra, premiato come miglior fumetto dell'anno al Festival internazionale di Angoulême nel 2006. La sua ultima opera è unastoria (Coconino Press - Fandango, 2013), tra i libri candidati al Premio Strega 2014. Gipi è anche illustratore per "la Repubblica" e collabora con "Internazionale". Nel 2011 ha debuttato come regista cinematografico con il film L’ultimo terrestre, presentato con successo al Festival di Venezia. In seguito ha realizzato il mediometraggio Smettere di fumare fumando. Sta girando il film Wow! e un videoclip per la band dei Massimo Volume.

Foto: © G. De Luca

Steve Hackett nasce a Londra nel 1950. È stato lo storico chitarrista dei Genesis dal 1970 al 1977, quindi ha intrapreso la carriera di solista. Quest’anno, dopo un'edizione trionfale del Genesis Revisited tour nel 2013, che ha toccato teatri storici come la Royal Albert Hall, Steve Hackett si è lanciato in un nuovo tour mondiale, Genesis Extended, che l'ha già portato in Italia per numerose date. Questo tour, in cui rivisita con una scaletta ampliata lo storico repertorio dei Genesis, è l'occasione per celebrare l’uscita del cd/dvd box set Genesis Revisited - Live at Hammersmith e il recente Prog Award per il miglior Live Event 2013 per lo stesso spettacolo.

Tom Henry è storico dell’arte tra i massimi esperti di pittura rinascimentale italiana. Ha curato importanti esposizioni dedicate a Raffaello, come la recente mostra Raphaël à Rome al Louvre di Parigi e Raphael: from Urbino to Rome presso la National Gallery di Londra. Attualmente ricopre il ruolo di Professore in Storia dell’Arte presso l’Università di Kent e divide il suo tempo tra Londra e l’Umbria. È autore di The Life and Art of Luca Signorelli (Yale, 2012) e di vari ed importanti studi, tra cui saggi per “The Burlington Magazine” e l’Accademia Raffaello di Urbino. Nel 2012 è stato membro del comitato scientifico della mostra Luca de ingegno e spirto pelegrino, la più completa dedicata all’opera del maestro cortonese.

Jorge Herralde nasce a Barcellona nel 1935. È il fondatore e direttore della casa editrice Anagrama, i cui primi titoli furono pubblicati nel 1969. Nel catalogo di Anagrama figurano più di tremila titoli. La casa editrice assegna ogni anno due premi a opere inedite: il “Premio Anagrama de Ensayo” dal 1973 e il “Premio Herralde de Novela” dal 1983. Entrambi godono di grande prestigio. Jorge Herralde ha ricevuto numerosi premi per l’apporto dato al mondo editoriale. È Honorary Officer of the Order of the British Empire (2005) e Commandeur de l'Ordre des Arts et des Lettres (2006). Fra i libri di Jorge Herralde, tutti legati alla sua attività editoriale, spiccano: Opiniones mohicanas (2000), El observatorio editorial (2004), Para Roberto Bolaño (2005), Por orden alfabético. Escritores, editores, amigos (2006) e El optimismo de la voluntad. Experiencias en América Latina (2009).

Paolo Jannacci nasce a Milano nel 1972. Pianista e compositore, vanta collaborazioni con grandi artisti, tra cui: Dario Fo, Paolo Conte, Chico Buarque, Ornella Vanoni, Claudio Bisio e soprattutto il padre Enzo. Poliedrico, compone per il teatro, il cinema e la pubblicità. Come arrangiatore ha prodotto tutti i dischi di Enzo Jannacci dal 1994. Tra le onorificenze più importanti ottiene la "Targa Tenco" nel 2002 (miglior canzone italiana, Lettera da lontano), 2004 (miglior canzone italiana, L'uomo a metà) e 2005 (miglior album in dialetto, Milano 3-6-2005). Il suo ultimo album da solista è Allegra (2013). È autore del libro Aspettando al semaforo (Mondadori, 2011). Da aprile 2014 è in tour col suo nuovo spettacolo In concerto con Enzo.

Foto: © Meeting Rimini

Freda Kelly era solo una giovane e timida adolescente di Liverpool quando Brian Epstein le chiese di lavorare per una band locale nella speranza di "renderla grande", seguendo tutti gli aspetti del neonato fan club ufficiale. Il nome di quella band? The Beatles naturalmente. È stato così che un lavoro apparentemente ordinario si è trasformato in un’avventura senza precedenti. I Fab Four sono stati insieme per 10 anni, ma Freda ha lavorato per loro per 11 diventando il riferimento assoluto del fanclub più importante della storia del rock. Oggi, dopo 50 anni, il regista Ryan White ha deciso di lasciare la parola proprio a Freda perché potesse raccontare per la prima volta la storia dei Beatles sotto una prospettiva nuova: perché potesse narrare tutta la sua eccezionale storia nel film La Segretaria dei Beatles, distribuito al cinema da Nexo Digital e Feltrinelli.

Björn Larsson nasce a Jönköping (Svezia) nel 1953. Docente di letteratura francese all'Università di Lund, filologo, traduttore, scrittore e appassionato velista, è uno degli autori svedesi più noti anche in Italia, dopo il successo de La vera storia del pirata Long John Silver, Il Cerchio celtico, Il porto dei sogni incrociati, i numerosi premi ricevuti e gli altri titoli già pubblicati da Iperborea. Il suo ultimo libro è Diario di bordo (Iperborea, 2014).

Loredana Lipperini è una giornalista, scrittrice, conduttrice radiofonica italiana e autrice di programmi per la televisione. Dal 1990 scrive sulle pagine culturali di “la Repubblica” ed è fra i conduttori di Fahrenheit su Radio3. In precedenza come giornalista ha collaborato, negli anni, a riviste e quotidiani come “L'Unità”, “Il Secolo XIX”, “L'Espresso”. Dal 2004 ha un blog, “Lipperatura”. Dal 2005 è nella giuria del “Premio Letterario Pinuccio Tatarella Città di Bari” e, dal 2007, in quella del “Premio Scerbanenco”. Nel 2014 ha assunto la direzione artistica del Festival letterario Gita al faro a Ventotene. Tra i suoi ultimi libri L’ho uccisa perché l’amavo (Laterza, 2013; con Michela Murgia) e Di mamma ce n'è più d'una (Feltrinelli, 2013).

Foto: © Lotta Valente

Alessandro Mari nasce a Busto Arsizio (Varese) nel 1980. Si è laureato con una tesi su Thomas Pynchon. Ha cominciato giovanissimo a lavorare per l’editoria, come lettore, traduttore e ghostwriter. Con Troppo umana speranza (Feltrinelli, 2011; premio Viareggio-Rèpaci 2011; Universale Economica, 2013), la sua prima opera narrativa, si è imposto all’attenzione del pubblico e della critica. Con Feltrinelli ha pubblicato anche Gli alberi hanno il tuo nome (2013) e, nella collana digitale Zoom, il romanzo a puntate Banduna; per Feltrinelli "Kids" ha tradotto la Regina delle ombre (2008) di Marcus Sedgwick e Ninevah e i sette (2010) di Caro King.

Foto: © Palmira Congiusti

Frédéric Martel è sociologo e lavora all’IRIS (Institut de Recherches Internationales et Stratégiques). Ha scritto alcuni libri di grande successo e collabora stabilmente con giornali e radio francesi. Per Feltrinelli è uscito Mainstream. Come si costruisce un successo planetario e si vince la guerra mondiale dei media (2010) e Global Gay (2014).

Foto: © Julien-Falsimagne

I Modena City Ramblers nascono nel 1991 come gruppo di folk irlandese. Dopo lo storico demo-tape Combat folk, nel 1994 esce il primo album Riportando tutto a casa. Ne seguono altri dodici, l’ultimo è Niente di nuovo sul fronte occidentale (2013). Nel 2014 ricorre il ventennale del loro debutto discografico e la band decide di celebrarlo con uno speciale tour, Venti, in cui propongono le canzoni più note e qualche chicca. L’attuale formazione è Luca Serio Bertolini: chitarra acustica ed elettrica, cori; Franco D'Aniello: tin whistle, flauto, sax, tromba, cori; Massimo "Ice" Ghiacci: basso, cori; Francesco "Fry" Moneti: violino, mandolino, chitarra elettrica, plettri vari; Davide "Dudu" Morandi: voce; Leonardo Sgavetti: fisarmonica e tastiere; Roberto Zeno: batteria, percussioni, cori.

Danilo Nigrelli, attore e regista, si è laureato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Ha lavorato con i maggiori registi italiani e condiviso la scena con artisti come Franca Valeri, Vittorio Caprioli, Ilaria Occhini, Achille Millo, Alida Valli, Mariano Rigillo, Annamaria Guarnieri, Valeria Moriconi, Massimo De Francovich, Mariangela Melato. Ha ricevuto due nomination per il premio "Ubu" come attore protagonista per le interpretazioni di Edoardo nell’Edoardo II di Marlowe per la regia di Antonio Latella e per il ruolo di Marcantonio nel Giulio Cesare di Shakespeare per la regia di Carmelo Rifici. Ha numerose esperienze televisive e cinematografiche. Da una decina di anni firma una serie di regie teatrali, dopo aver formato, insieme alla drammaturga Paola Ponti, il gruppo Malbéck Teatro. Da alcuni anni tiene corsi e stage di formazione attoriale.

Nobraino

Nobraino

www.nobraino.eu

3 AGOSTO 2014 ORE 21,30

I Nobraino sono una band indie rock italiana che nasce negli anni '90 a Riccione e cresce nel circuito delle autoproduzioni e delle etichette indipendenti. Conosciuti ormai in tutta Italia per i loro live act dirompenti, propongono fondamentalmente una forma di cantautorato classico che non sacrifica l’esuberanza di una solida formazione rock. La storia discografica dei Nobraino conta quattro dischi, l’ultimo è L’ultimo dei Nobraino (2014). Negli anni i Nobraino hanno vinto importanti premi e sono stati ospiti di Serena Dandini a Parla con me su Rai3. Nel 2010 il brano L’onesta monarchia di Luigi Filippo viene incluso nella compilation della Leva cantautorale degli anni Zero. Nel 2011 i Nobraino si sono esibiti al Festival di Sanremo ospiti del Premio Tenco, nel 2012 hanno suonato sul palco del Concerto del Primo Maggio.

Foto: © Andrea Domeniconi

L'Orchestra della Toscana, fondata nel 1980, ha sede a Firenze e oggi è considerata una tra le migliori orchestre in Italia. È formata da 45 musicisti che sono stati applauditi in teatri e sale di fama mondiale. Interprete duttile di un ampio repertorio che dalla musica barocca arriva fino ai compositori contemporanei, l’Orchestra riserva un particolare spazio alla ricerca musicale al di là delle barriere fra i diversi generi, sperimentando possibilità inedite di fare musica e verificando le relazioni fra scrittura e improvvisazione.

Foto: © Marco Borrelli

NOVITA'

Piersandro Pallavicini nasce a Vigevano nel 1962. È ricercatore in Chimica presso l’Università di Pavia e scrittore. Ha collaborato all’associazione di volontariato Oltremare di Vigevano. Collabora con le Edizioni dell’Arco di Milano, per cui cura una collana di libri di strada dedicati all’Africa e alla migrazione da quel continente, scritti da autori italiani. Tra i suoi ultimi libri Atomico dandy (Feltrinelli, 2006), African inferno (Feltrinelli, 2009), A braccia aperte (Edizioni Ambiente, 2010), Romanzo per signora (Feltrinelli, 2012) e Una commedia italiana (Feltrinelli, 2014).

Fulvio Paloscia nasce a Firenze nel 1965. È redattore del quotidiano "la Repubblica", dove scrive di musica e spettacolo, sulle pagine fiorentine. Con Luca Scarlini è autore dei libri Star trash. Le guerre stellari della spazzatura (Castelvecchi, 1995), Mode e Il mondo dei fan club (entrambi per Adnkronos libri, 1999 e 2000). Suoi contributi sono apparsi su varie pubblicazioni; ha curato trasmissioni radiofoniche e televisive sui libri e sulle realtà giovanili.

Dietrich Paredes nasce in Venezuela nel 1980. Dal 2008 è direttore musicale della Caracas Youth Orchestra (CYO). Nel 2013 ha diretto il Concerto Unicef per la Pace a Torino, che ha riunito l’OGI e l’Orchestra della Rai. Sempre nel 2013, ha partecipato con la CYO al Festival di Salisburgo ed è stato co-direttore della Filarmonica di Los Angeles per un lungo tour europeo nella veste di assistente di Esa-Pekka Salonen, Vasily Petrenko e John Adams. È molto richiesto come direttore anche dalle orchestre del Sud America. Dietrich Parades e la Caracas Youth Orchestra sono attesi in Europa nel novembre 2014 per un tour che toccherà Zurigo, Amburgo, Parigi, Budapest, Vienna, Göteborg e Zagabria.

Foto: © Rafael Torres

Lorenzo Pavolini nasce a Roma. È redattore della rivista "Nuovi Argomenti" e collabora con Radio3. Ha pubblicato i romanzi Senza rivoluzione (Giunti, 1997; Premio Grinzane Cavour esordiente), Essere pronto (peQuod, 2005), Accanto alla tigre (Fandango, 2010; finalista Premio Strega, vincitore del Premio Mondello e del Biografilm Books Award) e Tre fratelli magri (Fandango, 2012). Ha curato tra l’altro Italville – New Italian Writing (Exile Edition, 2005) antologia di giovani autori italiani tradotti in inglese e l’edizione integrale delle Interviste impossibili (Donzelli, 2006).

Tommaso Pellizzari lavora al "Corriere della Sera". Nel millennio scorso ha raccontato la sua generazione nel saggio 30 senza lode (Mondadori), per poi pubblicare diversi libri di sport, in particolare sul calcio (Inter: la dinastia, Baldini Castoldi Dalai editore, 2010). Ha esordito nella narrativa nel 2012 col racconto Ristrutturazione neoliberista (Feltrinelli Zoom). Il suo ultimo libro è Movimento per la disperazione (Baldini & Castoldi, 2014).

Stefano Petrocchi, nato a Rieti nel 1971, vive e lavora a Roma. Direttore della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, l'istituzione che organizza ogni anno il Premio Strega, ha curato la riedizione di varie opere di Maria Bellonci e la collezione edita da "Il Sole 24 Ore" I capolavori del Premio Strega. È autore di saggi sulla poesia di Penna e Pasolini e ha pubblicato l’antologia di poeti contemporanei Ci sono fiori che fioriscono al buio (Frassinelli, 1997; con Simone Caltabellota e Francesco Peloso).

Francesco Piccolo nasce a Caserta nel 1964. È scrittore, sceneggiatore e autore televisivo. Collabora con il “Corriere della Sera”. Per Einaudi ha pubblicato: La separazione del maschio (2008), Momenti di trascurabile felicità (2010) e Il desiderio di essere come tutti (2013), con cui ha vinto il Premio Strega 2014. Negli Einaudi Tascabili sono stati riproposti: Storie di primogeniti e figli unici (2012) e Allegro occidentale (2013).

Paola Ponti nasce ad Angera (Varese) nel 1968. Drammaturga diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, ha studiato sceneggiatura e regia alla New York University. Ha collaborato con il gruppo di Ellen Stewart al Teatro La MaMa di New York e in Italia con Gabriele Vacis, Armando Punzo, Lorenzo Loris, Giampiero Solari. Tra i suoi ultimi testi messi in scena Una cena armena, che ha debuttato al Teatro Petruzzelli di Bari (2011/2012) e Veronica, melologo con le musiche di Fabio Vacchi, che ha debuttato alla Fondazione Auditorium Verdi di Milano (2014). Nel 2001 ha fondato il Gruppo Teatro Civile (con Edoardo Erba, Raffaella Battaglini ed Alessandro Trigona Occhipinti) e nel 2011 la società Màlbeck Teatro (con Danilo Negrelli).

Alexander Romanovsky nasce in Ucraina nel 1984 e vive in Italia. Pianista, ha studiato con Leonid Margarius presso l’Imola Piano Academy, con Dmitry Alexeev al Royal College of Music di Londra e a soli 17 anni ha vinto il primo premio del Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni. Ha inciso tre dischi, si è esibito con orchestre e direttori prestigiosi in tutto il mondo, è stato invitato nei festival e nei teatri più importanti d’Europa e nel 2009 è stato scelto come rappresentante del Young Concert Artists Trust di Londra. Le sue performance da solista, in tour o con le orchestre, lo hanno portato da Mosca a Chicago, da Londra a Firenze, da San Pietroburgo ai Balcani, da Kiev a Milano, Genova, e Varsavia, fino a Bilbao e Tokyo.

Foto: © Melina Mulas

Rosa Diletta Rossi, attrice, frequenta la facoltà di Storia dell’Arte all’Università La Sapienza di Roma. Dal 2000 entra a far parte della "Piccola Compagnia Piero Gabrielli" diretta da Roberto Gandini. A teatro ha recitato, tra gli altri, in Le avventure di Pinocchio regia di Tiziano Panici (2014) e in Una cena armena di Paola Ponti con regia di Danilo Nigrelli (2012/2013/2014). Ha recitato anche in numerosi film e serie televisive.

Daniele Rustioni nasce a Milano nel 1983. Ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio Verdi della sua città, conseguendo il diploma in pianoforte, organo e composizione organistica, e direzione d'orchestra. È direttore principale dell’Orchestra della Toscana e direttore musicale del Teatro Petruzzelli di Bari. Dirige regolarmente nei maggiori teatri e festival italiani. Ha recentemente registrato per Sony Classical l’album di Arie del basso Erwin Schrott con l’Orchestra Sinfonica della Radio Austriaca. Nell’aprile 2013 è stato proclamato "Best newcomer of the year" (miglior esordiente dell’anno) dagli International Opera Awards di Londra.

Foto: © Marco Borrelli

Michele Serra

Michele Serra

@MicheleSerra10

28 LUGLIO 2014 ORE 19,30

Michele Serra nasce a Roma nel 1954. Vive e lavora tra Milano e Bologna. Ha cominciato a scrivere a vent’anni sull’"Unità", nella quale era entrato come dimafonista. Prima inviato, poi corsivista e commentatore, dal 1997 scrive su "la Repubblica" e dal 2002 anche sull’"Espresso". In passato ha collaborato a molte testate, tra le quali "Epoca" e "Panorama". Nel 1991 ha fondato "Cuore", settimanale satirico che ha diretto fino al 1994. Come autore, ha scritto numerosi testi teatrali. In televisione ha lavorato con Adriano Celentano, Gianni Morandi, Luciana Littizzetto e molti altri artisti. Da diversi anni è co-autore della trasmissione di Fabio Fazio Che tempo che fa. Il suo ultimo libro, pubblicato da Feltrinelli, è Gli sdraiati (2013).

Foto: © Filippo Milani

Ximo Solano, nato in Spagna, ha recitato diretto da Dario Fo nel 1992 e in seguito con Carme Portaceli e con Joan Peris. Dal 1996 al 2000 lavora anche in televisione. Approda al cinema nel 2001 con Sigfrid Monleón per L’illa de l’holandes, poi recita nel Cyrano Fernández di Alberto Arvelo (2005) e nello stesso anno in Faltas Leves di Manuel Valls. Seguono nel 2006 La vida abismal di Ventura Pons, De espaldas al mar di Guillermo Escalona e Lo que tiene el otro di Miguel Perelló. Nel 2012 torna a recitare per Alberto Arvelo in Libertador. Come regista, mette in scena la Ronda di Arthur Schnitzler (2002), Madrigal per l’Orchestra Filarmonica di Los Angeles (2010) e Un jardin français, su testi di Feydeau (2010-2011). Per L’oeil du loup di Daniel Pennac, Ximo Solano è attore e collaboratore artistico insieme alla regista Clara Bauer.

La Spellbound Contemporary Ballett nasce nel 1994, dietro volontà del coreografo Mauro Astolfi che fonda la Compagnia al rientro da un lungo periodo negli Stati Uniti. A partire dal 1996 Astolfi condivide il progetto produttivo con Valentina Marini con cui la Compagnia avvia un processo di intensa internazionalizzazione e di collaborazioni trasversali. La ricca progettualità artistica, unita a una visione dinamica e in costante evoluzione del marchio, hanno facilitato un’ampia diffusione delle creazioni in contesti diversi, dai Gala ai programmi culturali televisivi, alle piattaforme e Festival di più continenti. Apprezzata per l’eccellenza degli interpreti e la versatilità del linguaggio coreografico, Spellbound conta presenze nei maggiori teatri e festival internazionali.

Foto: © Marco Bravi

Giuseppe Sterparelli è operatore culturale, organizzatore di festival, mostre e convegni. Curatore italiano di scritti di artisti americani, è direttore artistico di Alive Music Festival e partner culturale dell’Università per stranieri di Perugia. Ha recentemente coordinato l’edizione italiana del libro di Tom Henry La Vita e L’arte di Luca Signorelli (Petruzzi, 2014).

Massimiliano Tarantino lavora nel mondo della comunicazione e delle relazioni istituzionali: per otto anni come giornalista e negli ultimi undici come responsabile ufficio stampa, communication manager o responsabile attività di comunicazione istituzionale per realtà pubbliche o private. Dal 2013 ha assunto l’incarico di Responsabile Comunicazione Corporate di EFFE2005, holding di controllo del Gruppo Feltrinelli, e di Segretario Generale della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Ha insegnato comunicazione, ufficio stampa e linguaggio del giornalismo presso le Università di Udine, Pisa, Parma e Milano Cattolica.

NOVITA'

Alessandra Tedesco

@aleteddina

30 LUGLIO 2014 ORE 18,00

Alessandra Tedesco, giornalista di Radio 24 dal primo giorno di trasmissione, il 4 ottobre 1999. Conduce ogni sabato alle 6.45 e alle 22 la rubrica Il cacciatore di libri dove gli scrittori di narrativa si raccontano e parlano della loro ultima fatica. La sua passione per i libri è nata verso i 9 anni quando grazie a una lunga influenza scoprì il mondo dell'avventura con Salgari e quello dei sentimenti con Piccole donne. Ora legge di tutto, basta che ci sia un incipit folgorante.

Luca Valtorta ha studiato Lingue e Letterature Orientali all’Università Ca' Foscari di Venezia. Ha diretto il settimanale "Musica! Rock e Altro" e il mensile "Repubblica XL". Attualmente lavora alle pagine domenicali di "la Repubblica". Ha lavorato molti anni come giornalista freelance scrivendo tra gli altri per "Focus", "Sette" del "Corriere della Sera" e "Tutto Musica", di cui è stato caporedattore. Insieme ad Alessandro Gomarasca ha scritto il libro Sol Mutante (Costa & Nolan, 1999; 2008).

Salvatore Veca ha studiato Filosofia all’Università degli Studi di Milano. Attualmente insegna Filosofia politica all’Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia, di cui è stato prorettore vicario dal 2005 al 2013. Dal 1999 al 2005 è stato Preside della Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Pavia. Presidente del Comitato generale Premi della Fondazione internazionale Eugenio Balzan e della Fondazione Campus di Lucca, fa parte del Comitato direttivo della "Rivista di filosofia", di "Iride" e dello "European Journal of Philosophy". Dal 1984 al 2001 è stato presidente della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli di Milano, di cui è presidente onorario. Nel 1998 gli sono stati conferiti, con decreto del Presidente della Repubblica, la medaglia d'oro e il diploma di prima classe, riservati ai Benemeriti della Scienza e della Cultura. Il suo ultimo libro è Un’idea di laicità (Il Mulino, 2013).

Peppe Voltarelli, cantautore, nel 1990 fonda il gruppo Il Parto delle Nuvole Pesanti, che mescola il rock e la musica popolare calabrese. Con loro realizza sette dischi, centinaia di concerti e partecipa più volte al Premio Tenco. Dall'incontro con il regista Giuseppe Gagliardi nasce il film documentario Doichlanda (Premio della Giuria al Torino Film Festival 2003). Nel 2005 è attore protagonista e autore della colonna sonora del nuovo film di Giuseppe Gagliardi, La vera leggenda di Tony Vilar. Nel 2006 esce dal gruppo e inizia la sua carriera solista. Nel 2014 Stampa Alternativa pubblica il suo primo romanzo, Il caciocavallo di Bronzo ed esce per la OTRlive il suo ultimo album Lamentarsi come ipotesi.

Foto: © Fabrizio Fenucci

Maxwell Sachel Weinberg nasce a Newark (Stati Uniti), attualmente vive tra Washington e Cortona. Musicista, è lo storico batterista della E Street Band di Bruce Springsteen, di cui fa parte dal 1974. Dal 1993 è anche leader dei The Max Weinberg 7. Negli anni Max Weinberg, oltre al suo costante impegno con Bruce Springsteen, ha collaborato con artisti come Paul McCartney, Sting, Tom Jones, Ringo Starr, Bob Dylan, Bono degli U2… Weinberg ha ricevuto più volte il riconoscimento di grandi riviste musicali internazionali come “Rolling Stone” e “Music Jazz Poll” quale migliore batterista del mondo. Nel 2013 è diventato cittadino onorario di Cortona.

Wu Ming è un collettivo di scrittori provenienti dalla sezione bolognese del Luther Blissett Project (1994-1999), divenuto celebre con il romanzo Q (Einaudi, 1999). Il loro ultimo libro è L’armata dei sonnambuli (Einaudi, 2014). Nel 2012 nasce il gruppo musicale Wu Ming Contingent: l'obiettivo è quello di produrre "canzoni declamate", con scarne linee vocali, impastare la narrativa con le sonorità punk e new wave che i suoi membri frequentano fin dall'adolescenza. Wu Ming Contingent ha appena registrato l'album Bioscop. I testi provengono dalla rubrica scritta da Wu Ming per il mensile "GQ", tra il 2010 e il 2012. Brevi biografie maschili (da Peter Kolosimo a Socrates, da Mobutu a Gaetano Bresci) usate in maniera pretestuosa per parlare d'altro.

Zizu è un progetto Folk/Blues nato nel 2009 da Marco Zieger (chitarra e voce) e Marco Martinelli (basso). Nel 2010 registrano il loro primo lavoro presso lo studio Jam Recording di Michele Pazzaglia, il pezzo Letter to a twin entra nei 10 migliori brani della trasmissione radiofonica Demo su Radio1. Lo stesso anno le canzoni Red Flowers & Wine e The Wrong Dream vengono scelte dal regista Davide Labanti per la colonna sonora del cortometraggio Il Vincitore, che ottiene prestigiosi premi a livello nazionale e non. Nel 2013 si aggiunge al duo il batterista Matteo Brodi per iniziare la lavorazione del progetto Wind of Change ancora in fase di realizzazione.

SEGUICI SU: