MIX PRIZE

Ultimo aggiornamento 16/06

Copertina comunicati stampa

Si sono concluse il 9 luglio le votazioni per il Mix Prize, il premio per il migliore libro pubblicato in Italia nella stagione 2013/2014 tra gli “Scelti per voi” dei librai Feltrinelli di tutta Italia, un mix tra quelli in classifica e quelli che secondo i librai lo meriterebbero di più. Il vincitore sarà annunciato il 26 luglio a Cortona e premiato martedì 29 luglio. Ecco i libri candidati:

I vincitori delle edizioni precedenti

VINCITORE MIX PRIZE 2012

1Q84, HARUKI MURAKAMI, Einaudi

Aomame è spietata e fragile. È un killer che, in minigonna e tacchi a spillo, con una tecnica micidiale, vendica tutte le donne che subiscono una violenza. Tengo è un ghost writer che deve riscrivere un libro inquietante e pericoloso come una profezia. Entrambi si giocano la vita in una storia che sembra destinata a farli incontrare. Ma quando Aomame, sollevando gli occhi al cielo, vede sorgere una seconda luna, capisce che non potranno condividere neppure la stessa realtà.

VINCITORE MIX PRIZE 2013

STONER, JOHN WILLIAMS, Fazi

Il racconto della vita di un uomo tra gli anni Dieci e gli anni Cinquanta del Novecento: William Stoner, figlio di contadini, che si affranca quasi suo malgrado dal destino di massacrante lavoro nei campi che lo attende, coltiva la passione per gli studi letterari e diventa docente universitario. Un eroe della normalità che negli ingranaggi di una vita minima riesce ad attingere il senso del lavoro, dell’amore, della passione che dà forma a un’esistenza.


I libri candidati per l'edizione 2014:


Compagni di stadio

Solange Cavalcante
Fandango

Negli anni bui e silenziosi della lunga dittatura militare brasiliana, una squadra di calcio ispirò un’intera nazione e contribuì al ritorno della democrazia e della libertà. Questa è la storia dell’ingenua Comune, repubblica democratica o incredibile soviet calcistico, che fiorì e prosperò in Brasile nello Sport Club Corinthians Paulista tra il 1981 e il 1985.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«Compagni di stadio racconta la storia del Corinthians di San Paolo, la squadra di Socrates, con la precisione della grande cronaca e il respiro dell’epica»

Nascita di un ponte

Maylis de Kerangal
Feltrinelli

Nella città impossibile di Coca, in un immaginario West contemporaneo, sulla sponda del fiume, ai margini della giungla e della storia, tutto può cominciare a muoversi e a pulsare, tutto può cambiare per l’arrivo del Ponte e di coloro che lo faranno nascere. Come un potente magnete, il ponte attira a sé i destini incrociati di uomini e donne, visti fotograficamente in campo lungo, o zoomati nel dettaglio puntuale delle vite più diverse, nella geometria – lucida come un teorema – delle passioni.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«Il ponte attira a sé i destini incrociati di uomini e donne. Il romanzo è la storia corale delle loro passioni. La vera protagonista di questo romanzo è la lingua, talmente innovativa, da essere capace di rinominare le cose»

Morte di un uomo felice

Giorgio Fontana
Sellerio

Milano, 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica. Giacomo Colnaghi è un magistrato che indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell’assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l’inquietudine lo accompagnano da sempre: egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. La sua coscienza aggiunge alla caccia all’uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l’origine delle ferite che stanno attraversando il Paese.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«In una Milano sofferta e luminosa un giudice guarda nel labirinto di un caso che mette alla prova il suo senso morale»

Per Dieci Minuti

Chiara Gamberale
Feltrinelli

Tutto quello con cui Chiara era abituata a identificare la sua vita non esiste più. Perché, a volte, capita. Che cosa si fa, allora? Rudolf Steiner non ha dubbi: si gioca. Chiara non ha niente da perdere, e ci prova. Per un mese intero, ogni giorno, per almeno dieci minuti, decide di fare una cosa nuova, mai fatta prima. Di dieci minuti in dieci minuti, arriva così ad accogliere realtà che non avrebbe mai immaginato e che la porteranno a scelte sorprendenti. Da cui ricominciare.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«Quando la vita vissuta finora non sembra più appartenerci, c'è un modo per reagire? Per riappropriarcene? Sì, bastano dieci minuti al giorno! Questa è la ricetta di Chiara Gamberale per ritornare artefici delle proprie scelte»

Ci rivediamo lassù

Pierre Lemaitre
Mondadori

Sopravvissuti alla carneficina della Grande Guerra, nel 1918 Albert e Édouard si ritrovano emarginati dalla società. Albert, un umile e insicuro impiegato che ha perso tutto, proprio alla fine del conflitto viene salvato sul campo di battaglia da Édouard, un ragazzo ricco, sfacciato ed eccentrico, dalle notevoli doti artistiche. Dopo il congedo, condannati a una vita grama da esclusi, decidono di prendersi la loro rivincita inventandosi una colossale truffa ai danni del loro paese ed ergendo il sacrilegio allo status di opera d'arte.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«Un thriller entusiasmante in cui nulla è come appare: quando credi di aver capito, fermati! Probabilmente non è vero»

Una commedia italiana

Piersandro Pallavicini
Feltrinelli

Il vecchio Alfredo Pampaloni convoca tutta la famiglia a Solària. Lì porta i figli da un notaio per cedere loro la casa di Solària e quella di Milano; Edo chiede conto dei milioni di euro da ereditare che sembrano svaniti; la villa e i suoi occupanti sono vittime di aggressioni incomprensibili. Ed è da qui che parte un intrigo che mescola il misterioso passato del capofamiglia con un presente minaccioso, affrontato con l’aiuto del vice ispettore Erica Daldosso. Il passato si sgroviglia. Ed è quasi tutto da ridere.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«La ricchezza di una borghesia tramontata il fascino vanesio di un vecchio dandy la gioiosa lucidità di una donna-scienziata. Dentro una commedia cocktail che mette di buon umore. E strappa sempre - sempre- un riso gentile»

Pensieri della mano

Tullio Pericoli
Adelphi

A guidare lo sguardo di Tullio Pericoli non è soltanto l'occhio, ma un organo più irrequieto e nervoso, che si lascia dirigere solo fino a un certo punto, e da lì in poi asseconda, prima di tutto, i propri imprevedibili talenti: la mano. In questa conversazione con Domenico Rosa, Pericoli ne parla per la prima volta apertamente, con il gusto e spesso la sorpresa di scoprire via via, insieme a chi ascolta e poi a chi legge, i meccanismi e gli incantesimi del proprio lavoro.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«(…) Pericoli parla per la prima volta apertamente dei meccanismi e degli incantesimi del proprio lavoro: sciogliendone i vari enigmi, e avvicinandoci a quella singolare "sapienza" che è nella mano»

La giostra del piacere

Eric-Emmanuel Schmitt
e/o

Un giorno tutti gli abitanti di Piazza Guy d’Arezzo a Bruxelles ricevono la stessa lettera: “Questo messaggio solo per dirti che ti amo. Firmato: tu sai chi”. Un messaggio d’amore, apparentemente innocente, che dà il via a una catena di conseguenze che finiranno per sconvolgere la vita degli abitanti della piazza. Schmitt racconta in un caleidoscopio di storie avvincenti la sessualità dei nostri tempi.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«Con decine di storie erotico-sentimentali e di personaggi a tutto tondo, Schmitt ha creato una cattedrale dell'erotismo contemporaneo»

Gli sdraiati

Michele Serra
Feltrinelli

Forse sono di là, forse sono altrove. In genere dormono quando il resto del mondo è sveglio, e vegliano quando il resto del mondo sta dormendo. Sono gli sdraiati. I figli adolescenti, i figli già ragazzi. Michele Serra si inoltra in quel mondo misterioso. Non risparmia niente ai figli, niente ai padri. Un piccolo monumento a una generazione che si è allungata orizzontalmente nel mondo, e forse da quella posizione riesce a vedere cose che gli “eretti” non vedono più, non vedono ancora, hanno smesso di vedere.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«(…) i ragazzi di oggi visti da un genitore tra humour, senso di impotenza e tenerezza. Il conflitto tra vecchi e giovani ormai è finito: non ci sono ideologie, né rabbia, lotta o rivolta»

Il cardellino

Donna Tartt
Rizzoli

Figlio di una madre devota e di un padre inaffidabile, Theo Decker sopravvive, appena tredicenne, all’attentato terroristico che in un istante manda in pezzi la sua vita. Solo a New York, viene accolto dalla ricca famiglia di un suo compagno di scuola. A disagio nella sua nuova casa, isolato dagli amici e tormentato dall’acuta nostalgia nei confronti della madre, Theo si aggrappa alla cosa che più di ogni altra ha il potere di fargliela sentire vicina: un piccolo quadro dal fascino singolare che, a distanza di anni, lo porterà ad addentrarsi negli ambienti pericolosi della criminalità internazionale.

Il consiglio del libraio la Feltrinelli:

«Il piccolo quadro raffigurante un cardellino,rappresenta l'innocenza perduta e la bellezza che, sola, può salvare il mondo. Questo è il talismano di Theo Decker, protagonista di questo attesissimo e straordinario romanzo»




SEGUICI SU: